Chiesa Madre Partanna (Tp)

 

home > osservatorio

 

Informazioni

orari

parrocchia

nomi e recapiti

cultura e territorio

fotogallery

 

 

Protagonisti

ragazzi

giovanissimi

giovani

adulti

adultissimi

 

 

Formazione

materiali

ambiti

 

 

Area interattiva

ditelo al parroco

guestbook

 

Area riservata

accedi

 

 

 

Rubriche

Osservatorio

05/11/2009 - Emergenza educativa o crisi di valori?

Oggi pure la scuola è diventata poco incisiva, non sempre efficiente e ben organizzata agli occhi dei ragazzi presi da tante altre cose più attraenti e più facili da conquistare: avere un ottimo giudizio in italiano o in matematica non è nemmeno un sogno! La scuola che prima doveva trasmettere cultura e con questa dei modelli di vita all’insegna del dovere, della responsabilità, dei valori etici e morali cui i giovani potevano ispirarsi, oggi, senza venir meno a tutto ciò, deve prima analizzare i bisogni educativi e le speranze degli “utenti” e delle famiglie. Queste spesso assenti nell’educazione dei figli sono i primi a credere che della scuola possiamo farne a meno. Quest’ultimo messaggio penso è stato ben recepito dal nostro governo che, con la nuova riforma, sta cercando di ridurre il tempo scuola e di conseguenza la varietà di stimoli che potevano arrivare agli alunni attraverso una gamma più vasta di contenuti.

Già dall’anno scolastico in corso e ancor di più con l’anno scolastico 2010/11 ci aspettano tante novità e tanti docenti alla ricerca di un nuovo posto di lavoro. I dati OCSE- PISA ci hanno detto che i giovanissimi italiani (14/15 enni) sono ignoranti in italiano, matematica e scienze. Tra i primi posti invece a livello europeo i bambini di 8-10 anni che hanno acquisito ottime capacità linguistiche e logico- matematiche. Conseguenza: la scuola primaria funziona bene, efficace il lavoro svolto e quindi non ha bisogno di alcun intervento. Non è così! Tutti gli ordini di scuola dalla primaria alla secondaria, dalle Università al reclutamento degli insegnanti vanno riformati. Ebbene, la riforma proposta non fa altro che togliere credibilità alla scuola e alla professione docente, a chi si occupa di questioni educative in prima linea.

Tutto tende ad essere standardizzato, dalla valutazione del docente alla valutazione dell’alunno; non occorrono più piani di studio personalizzati, non serve più inserire i portatori di handicap nella scuola, non occorre più creare delle menti critiche con certezze e valori sociali, politici ed esistenziali positivi. I giovani li vogliono non pensanti, accomodanti, “disposti a dire si” a chiunque; importante è avere tutto e a questo oggi ci pensano i genitori! E domani?

Ci viene proposta una scuola, a tutti i livelli, a servizio della realtà economica e politica: serve che il giovane sappia fare qualcosa e noi insegnanti, forse con uno stampino, lo creiamo! Penso che la scuola debba fare altro, almeno così mi è stato insegnato. La scuola ha il dovere, così come sancito dalla nostra Costituzione, di formare l’uomo e il cittadino di domani e “io”, educatore, servendomi della disciplina, sia essa italiano o matematica, devo trasmettere al giovane il piacere di imparare e di cogliere, dal mio modo di essere, il rispetto delle regole, il rispetto dei ruoli, la responsabilità, l’efficacia e l’efficienza con cui si porta avanti un’attività lavorativa.

La valutazione dell’attività educativa, pertanto, non può essere affidata a una prova oggettiva o a una singola persona (il Dirigente scolastico). Il sistema scolastico, come qualsiasi sistema, ha bisogno di un controllo perché è attraverso questo che possiamo uscire dall’attuale crisi e rendere alla società una scuola di qualità dove i docenti si sentano i veri protagonisti dell’educazione integrale della persona–alunno e ritornino ad essere stimati da tutto il sistema politico–sociale che sarà frutto di una scuola che sa coniugare cultura e vita.

Maria Restivo

17/10/09 - Don Mario Giammarinaro nuovo parroco della parrocchia Santa Lucia

Benvenuto, don Mario! Domenica 18 ottobre 2009 Partanna accoglie con gioia Don Mario Giammarinaro nominato nuovo parroco nella Parrocchia Santa Lucia al Camarro.

Don Mario nasce l'8 maggio 1960 a Salemi. Entra nel Seminario Vescovile di Mazara del Vallo il 03 settembre 1984, dopo aver frequentato le Scuole Elementari, la Scuola Media e il Liceo Classico a Salemi.

Negli anni 1984-1989 dimora nel Seminario Arcivescovile Maggiore San Mamiliano di Palermo e frequenta i Corsi di Teologia presso la Facoltà Teologica di Sicilia San Giovanni Evangelista, conseguendovi il titolo di Baccelliere in Teologia.

Viene ordinato Presbitero nella Cattedrale di Mazara del Vallo il 5 gennaio 1990, ed svolge il suo ministero a Salemi, nel 1989, e a Gibellina, nel 1990, come Vicario parrocchiale delle rispettive Madrici; mentre a Salaparuta, dal 1990 al 1994, esercita il ministero di Parroco.

Lo ritroviamo poi a Partanna, presso la Chiesa Madre, dal 1994 al 1997, come Vicario parrocchiale e, dal 1997 al 2009, titolare della parrocchia Maria Santissima Addolorata a Strasatti, nel comune di Marsala.

Il Vescovo, mons. Domenico Mogavero, tenendo conto delle doti umane e spirituali, preparazione teologica, esperienza sacerdotale e disponibilità, ha chiesto a Don Mario Giammarinaro di assumere il nuovo servizio di Parroco della parrocchia Santa Lucia in Partanna, dopo aver accettato le dimissioni, per motivi di salute, del precedente Parroco don Ignazio Li Vigni che, con grande zelo, grande impegno e non risparmiandosi, si è prodigato nella guida della comunità parrocchiale del Camarro. A Don Ignazio Li Vigni un sentito e affettuoso ringraziamento per il servizio svolto e per quanto ancora potrà operare.

Al nuovo Parroco, Don Mario Giammarinaro, che farà il suo ingresso solenne nella nuova Parrocchia Domenica, 18 ottobre p.v., alle ore 18.00, la comunità partannese tutta porge il suo caloroso benvenuto ed augura di esercitare, nella nuova sede, un ministero gioioso e fecondo a favore di tutti coloro che, credenti e non, incontrerà nel suo cammino per una parola di bene, di amicizia, di solidarietà e di fraternità.


 

agenda attività

calendario persone

 

 

Rubriche

osservatorio

mediare

proposte

 

 

Gruppi e associazioni

azione cattolica

agesci

apostolato

associazioni

confraternite

gruppi

ofs

rns

 

 

Link

ecclesiali

territorio

 

 

Pane quotidiano

liturgia ore

 

 

 

statistiche sito

© Parrocchia Chiesa Madre - Partanna (Tp) - 2009

webmaster