Chiesa Madre Partanna (Tp)

 

home > materiali > parrocchiali > liturgici > giovedì santo

 

Informazioni

orari

parrocchia

nomi e recapiti

cultura e territorio

fotogallery

 

 

Protagonisti

ragazzi

giovanissimi

giovani

adulti

adultissimi

 

 

Formazione

materiali

ambiti

 

 

Area interattiva

ditelo al parroco

guestbook

 

Area riservata

accedi

 

 

 

Giovedì Santo

 

Il Giovedì Santo inizia il Triduo pasquale, “fulcro dell'intero anno liturgico”, come ci ricorda il Santo Padre Benedetto XVI. Per comprendere meglio il suo significato ci lasciamo allora guidare dalla sua parola: giovedì santo chiesa madre partanna

<<Aiutati dai sacri riti del Giovedì Santo, del Venerdì Santo e della solenne Veglia Pasquale, rivivremo il mistero della passione, della morte e della risurrezione del Signore. Questi sono giorni atti a ridestare in noi un più vivo desiderio di aderire a Cristo e di seguirlo generosamente, consapevoli del fatto che Egli ci ha amati sino a dare la sua vita per noi. Cosa sono, in effetti, gli eventi che il Triduo santo ci ripropone, se non la manifestazione sublime di questo amore di Dio per l’uomo? Apprestiamoci, pertanto, a celebrare il Triduo pasquale accogliendo l’esortazione di sant’Agostino: “Ora considera attentamente i tre giorni santi della crocifissione, della sepoltura e della risurrezione del Signore. Di questi tre misteri compiamo nella vita presente ciò di cui è simbolo la croce, mentre compiamo per mezzo della fede e della speranza ciò di cui è simbolo la sepoltura e la risurrezione” (Epistola 55, 14, 24).>>


Il Triduo pasquale si apre con la Messa vespertina “in Cena Domini”, anche se al mattino normalmente si tiene un’altra significativa celebrazione liturgica, la Messa del Crisma, durante la quale, raccolto attorno al Vescovo, l’intero presbiterio di ogni Diocesi rinnova le promesse sacerdotali, e partecipa alla benedizione degli oli dei catecumeni, dei malati e del Crisma.

Oltre all’istituzione del Sacerdozio, in questo giorno santo si commemora l’offerta totale che Cristo ha fatto di Sé all’umanità nel sacramento dell’Eucaristia. In quella stessa notte in cui fu tradito, Egli ci ha lasciato, come ricorda la Sacra Scrittura, il “comandamento nuovo” - “mandatum novum” - dell'amore fraterno compiendo il gesto toccante della lavanda dei piedi, che richiama l’umile servizio degli schiavi.

Questa singolare giornata, evocatrice di grandi misteri, si chiude con l’Adorazione eucaristica, nel ricordo dell’agonia del Signore nell’orto del Getsemani. Preso da grande angoscia, narra il Vangelo, Gesù chiese ai suoi di vegliare con Lui rimanendo in preghiera: “Restate qui e vegliate con me" (Mt 26,38), ma i discepoli si addormentarono. Ancora oggi il Signore dice a noi: “Restate e vegliate con me”. E vediamo come anche noi, discepoli di oggi, spesso dormiamo. Quella fu per Gesù l’ora dell’abbandono e della solitudine, a cui seguì, nel cuore della notte, l’arresto e l’inizio del doloroso cammino verso il Calvario.


Ubi caritas

 

 

agenda attività

calendario persone

 

 

Rubriche

osservatorio

mediare

proposte

 

 

Gruppi e associazioni

azione cattolica

agesci

apostolato

associazioni

confraternite

gruppi

ofs

rns

 

 

Link

ecclesiali

territorio

 

 

Pane quotidiano

liturgia ore

 

 

 

statistiche sito

© Parrocchia Chiesa Madre - Partanna (Tp) - 2009/2012

webmaster